Il Brand dell’azienda passa attraverso il SelfBrand di chi ci lavora

Un corretto inserimento permette di avere personale formato, crea anche un’uniformità di relazione con il cliente fidelizzandone gli acquisti e permette che i nuovi assunti si sentano coinvolti in tempi brevi: immersi nello spirito e nella cultura aziendale, i neo assunti entreranno a far parte del team più velocemente. In allegato articolo da trarre come esempio che si riferisce all’inserimento in organico con relative procedure, mansioni e suggerimenti. L’articolo l’ho scritto pensando ad un ristorante ma si possono estrapolare idee utili ed applicabili.

Tratto da: “Ristoranti Imprese del gusto” novembre 2014
Progetto
Definire il percorso che dovrà seguire il nuovo arrivato: redazione mansionario dettagliato, percorso di formazione (chi, cosa, quando e dove).
Kit di accoglienza
Il primo giorno di lavoro il partecipante dovrebbe trovare una cartellina con contente: sintetico organigramma del ristorante con ben chiare le funzioni di ognuno, brochure e presentazione del locale, menu dei piatti serviti, mansionario, agenda dettagliata con programma lavoro e formazione pianificata delle prime tre settimane, eventuali testi di formazione, regole del ristorante, documentazione relativa al ruolo.
Coach
Identificate una figura professionale all’interno del locale che verifichi  che il“ kit di accoglienza” sia stato compreso, che le mansioni previste siano state apprese e che segua costantemente il nuovo arrivato nelle varie giornate formative e pratiche.
Avvio lavori
Nel piano di formazione prevedere che il nuovo arrivato lavori da un minimo di 3 ore a un massimo di 8 ore coprendo ogni funzione in seno al ristorante, questo gli darà modo di conoscere e rispettare il lavoro di ogni persona che fa parte del team. Non trascurate di far dedicare quattro ore allo studio del vostro sito Internet.
Check-up prefissato
Ogni giorno della prima settimana il responsabile del ristorante avrà il dovere di verificare che il nuovo collaboratore stia imparando correttamente (non si limiterà quindi a chiederlo al coach). Successivamente incontrerà il nuovo arrivato una volta alla settimana per le sucessive 4 settimane. Questa azione dipanerà sul nascere eventuali malcomprensioni e/o dubbi. Il costante monitoraggio delle performance iniziali consente di capire se sia necessaria altra formazione, ma soprattutto di assicurarsi che il neoassunto sia coinvolto e allineato alla cultura aziendale.
Lavoro  in team
Per incoraggiare l’inserimento del nuovo assunto, presentarlo personalmente ai colleghi e organizzare un pranzo di benvenuto. Fine Lavori Quando il nuovo assunto ha dimostrato abilità e professionalità nel ruolo e ha condiviso la cultura aziendale, l’inserimento è completato.
Post Lavori
Due volte al mese organizzare per tutto il team un momento formativo tematico”.
Donatella Rampado 

Inserire un nuovo collaboratore nel gruppo è un momento delicato e strategico.

Inserire un nuovo collaboratore nel gruppo è un momento delicato e strategico.

Leave a comment